Milano da bere

Correvano gli anni ’80 e la pubblicità dell’amaro Ramazzotti trasmetteva all’Italia un’immagine di Milano chic, internazionale e in perenne movimento.
Ai miei occhi di bambino tutto ciò non faceva alcun effetto ma, inspiegabilmente mi sono ritrovato vittima di un condizionamento a livello di subconscio e adesso mi ritrovo a vivere a Milano, probabilmente mosso proprio da quelle immagini che il mio cervello aveva assorbito.
Cosa rimane oggi della Milano da bere?
Utilizzerò le immagini dello spot dell’87 in sequenza per fare i dovuti paragoni tra la Milano degli anni ’80 e quella di oggi.

Questo è il link dello spot su Youtube.

Visto?

Cominciamo

Scena 1: Apertura con Milano avvolta dalla nebbia

La nebbia  in centro a Milano non c’è più! in 5 anni non l’ho mai vista. In compenso l’inquinamento da polveri sottili ci regala un avvolgente e rassicurante odore di sterco nell’aria.

Scena 2: Ragazzo del Bar che fa consegne in giro

Da buon napoletano, abituato alla figura ubiqua del “guaglione” del bar non ho potuto fare a meno di restare stupito dal fatto che i bar a Milano non effettuano (più?) servizio a domicilio.

Scena 3: Coppia sorridente che fa jogging in tutone multicolor

Ecco, questa è una cosa che è sopravvissuta. Tolte le tutone multicolor che, per fortuna, non esistono più se non negli ambienti gay più all’avanguardia, la città, alle prime ore del mattino e alla sera è invasa da 40-50 enni che hanno scoperto la droga del nuovo millennio: l’allenamento per la maratona. I risultati variano, ciò che è sicuro è l’incremento di visite ai vari reparti di cardiologia e ortopedia degli ospedali cittadini.

Scena 4: Vigili (Ghisa) al bar che bevono Amaro Ramazzotti in servizio

Tralascio ogni commento sul fatto che negli anni ’80 i vigli si facessero ad amaro a prima mattina e proseguo dicendo che, putroppo, i vigili urbani non ci sono più. Ora c’è la Polizia Locale, che si aggira per le strade, sfoggiando un bel fiore delle alpi sulla vettura, con atteggiamento a metà tra Serpico e Ispettore Callaghan. Addio alla poesia del caschetto bianco!

Scena 5: Signora dai capelli rossi con fascia in testa che sale dalle scale mobili della metropolitana leggendo il Sole 24 Ore.

Questa è la scena più surreale dello spot che ammicca allo yuppismo degli anni ’80. A Milano gli Yuppies non ci sono più. Sono stati, però, sostituiti da 2 nuove categorie che vanno per la maggiore: i rimborsetti e i passacarte dei grandi studi legali. 2 categorie che, su piani diversi, mettono il business al primo posto perchè in realtà privi di autonoma identità.

Scena 6: Business woman che sale in taxi

La scena si collega a quella precedente ma vuole trasmettere il seguente messaggio: le donne qui a Milano, a differenza del resto dell’ Italia, sono emancipate, fanno le dirigenti di azienda, sono superimpegnate, vanno di corsa e prendono il taxi al volo per volare da un appuntamento all’altro. Oggi la maggior parte delle donne a Milano, soprattutto le più chic, si muove in bicicletta…e come si muove: marciapiedi, strisce pedonali, contromano o al centro della strada. Più la bici è un rottame più fa chic. Decisamente meglio gli anni ’80.

Scena 7: Ragazzo del bar che porta da bere a  modelle sorridenti che se lo sbaciucchiano

Fantascienza ai giorni nostri: Le modelle (quelle vere, non le escort che si spacciano per tali) hanno mediamente 16 anni, vengono dall’est, sono anoressiche, depresse e non si mangiano un’emozione manco a pagamento…figuriamoci i baci al ragazzo del bar (che tra l’altro, come detto prima, è una figura ormai inesistente).

Scene 8 e 9: Coppia che cena al ristorante chic, sorridendo e chiacchierando e coppia che si bacia nella notte in mezzo alla strada

La coppia che cena, sorride e ammicca mentre il sommelier, con tanto di tastevin, decanta le doti del vino scelto è un’immagine che vuole trasmettere allo spettatore il benessere e la ricchezza tipici della coppia benestante media milanese. L’immagine della coppia in abito da sera che si bacia in mezzo alla strada vuole far presente che Milano è si una città business oriented ma ciò non esclude che si possano consumare grandi amori e grandi passioni.  Non so perchè ma i paragoni odierni che mi saltano in mente riguardano, rispettivamente, un ottuagenario industriale milanese (forse è lo stesso della pubblicità 30 anni e 5 mogli dopo) seduto al ristorante con un’escort di vent’anni a destra e una a sinistra che sbaciucchia a turno e la coppia che si bacia al centro della strada coperta da insulti e, soprattutto, lezioni di vita da automobilisti isterici che devono sprintare, tassisti e tranvieri. Decisamente più coloriti i tempi moderni

Scena finale: Bottiglione di Amaro Ramazzotti che si erige e supera il Duomo per altezza.

Si, gli industriali megalomani ci sono ancora ma a causa dell’inasprimento dei controlli fiscali praticano l’understatement.

La Milano da bere, quindi, non c’è più ma è comunque oro colato rispetto alla Napoli del Lungomare liberato (ma infestato), delle piste ciclabili virtuali e del facciamoci una coca cola a metà e una pizzetta da Moccia.

Grazie, quindi, al Commedator Ramazzotti per avermi condizionato e fatto venire qui.

Il Misantropo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...